• International Conference 2016 about Reintegration and Voluntary return

Il Programma di Sviluppo della Caritas Georgia si occupa dei problemi legati alla migrazione e intraprende una vasta gamma di azioni sia all’interno del Paese (progetti per gli sfollati, provenienti dai territori occupati della Georgia, prevenzione della migrazione), sia all’esterno, in collaborazione con i Partner Europei, nel campo del reinserimento dei rimpatriati in Georgia da diversi Paesi Europei. La Caritas Georgia conduce i Programmi di Reintegrazione e Attività di Rientro Spontaneo dal marzo 2006, in collaborazione con la Caritas Belgio, altresì, da giugno 2006 fino a luglio 2011, ha collaborato con Maatwerk, Cordaid (Organizzazione Cattolica Internazionale di sviluppo, con una rete di circa un migliaio di organizzazioni partner in 36 Paesi del Mondo), Paesi Bassi.

Nel 2011 Caritas Georgia, per la prima volta, ha collaborato con la Caritas Bulgaria (Sofia) nel quadro del Programma di Rientro Spontaneo, finanziato dal Fondo Europeo per il Rimpatrio. Nel 2016 ha dato il via al programma di reintegrazione in patria dei migrati georgiani verso la Germania, in collaborazione con Organizzazione Micado, e sostenuto dal Fondo dell’Unione Europea. Il progetto offre sostegno finanziario a coloro che decidono, di loro volontà, di fare ritorno al paese d’origine.

Beneficiari

Ad oggi sono 239 persone che hanno usufruito del servizio.

3 casi
8 casi
5 casi
19 casi
19 casi
20 casi (21 rimpatriati)
24 casi (43 rimpatriati)
31 casi (36 rimpatriati)
35 casi (44 rimpatriati)
41 casi

Obiettivi

Lo scopo del progetto è assicurare la reintegrazione degli emigrati dalla Georgia nel momento del rientro dal Belgio. Si pone come obiettivi principali:

  • Sviluppare un rapporto di fiducia con le persone che ritornano, fornire informazioni e assistenza;
  • Assistere le persone dopo il loro ritorno per un periodo di anno; è previsto un prolungamento del servizio in caso di necessità;
  • Fornire alle persone tornate possibilità concrete per la reintegrazione: offrendo alloggio, corsi di formazione professionale, aiuto nella ricerca di una scuola o un lavoro, assistenza medica, intermediazione con le autorità, fornitura dei documenti necessari.

Breve descrizione

Si può dire che la migrazione dalla Georgia è un fenomeno abbastanza diffuso: i numeri disponibili indicano che almeno il 20% della popolazione è emigrato dalla Georgia negli ultimi dieci anni. Le ragioni principali che spingono individui e famiglie ad emigrare sono la disoccupazione, condizioni socio-economiche sfavorevoli ed in alcuni casi anche motivi politici. Migliaia di persone hanno lasciato il Paese negli ultimi dieci anni. Alcune persone e famiglie hanno scarse informazioni sulla vita e situazione in Europa e sperano con il tempo di trovare un lavoro e migliori condizioni di vita. Nei paesi dell’Unione Europea e in particolare in Belgio sempre più attenzione viene posta sul concetto di Rientro Volontario.

In Belgio già dal 1984 la Caritas Internationalis presta aiuto alle persone che ritornano volontariamente al loro paese d’origine. La collaborazione tra Caritas Internationalis e Caritas Georgia nel settore del Rientro Volontario è iniziato nel marzo 2006. L’assistenza che il progetto offre non è limitata e dipende dalla natura delle esigenze di ogni individuo. La necessità e la priorità di questo aiuto, in ogni singolo caso, viene valutata dopo consulenze sociali e accordo reciproco con coloro che fanno ritorno.

img_2695
Tata Topadze
Coordinatrice del progetto
Caritas Georgia
Nutsubidze Pl. II, 3a Jgenti str.
0183 Tbilisi, Georgia
Tel./Fax:   (+995 32) 221 78 19
Mobile: (+995 591) 22 34 19
E-mail:  tata.topadze@caritas.ge