Intervista con Nikoloz Areshidze: Caritas è opportunità

pubblicato in: Notizie | 0

 

Dal 23 a 26 maggio del 2016, i membri e beneficiari della Caritas Georgia hanno partecipato alla Cnferenza Regionale di Caritas Europa del 2016 a Lourdes, Francia. Tra i rappresentanti della Caritas Georgia era anche Nikoloz Areshidze, beneficiario del Programma Giovanile. Vi presentiamo l’intervista con Nikoloz:

Nikoloz, era la prima volta che visiti la Francia? Condividici le tue impressioni e principali momenti del tuo viaggio.

Si, questo era il mio primo viaggio all’estero, prima volta in Francia, prima volta al bordo dell’aereo. Il decollo e l’atteraggio era sorprendente e in totale mi è piaciuto volare. Per quanto riguarda la Francia, ho visitato Lourdes e ho avuto l’opportunità di vedere anche Parigi. Sono ancora sotto impressione e ho avuto un’ esperienza indimenticabile. Ho avuto fortuna di praticare il mio inglese, comunicando con i membri della Conferenza Regionale. Anche questo è molto utile per i miei progetti futuri.

Tra i beneficiari di Caritas Georgia tu eri uno, che è stato scelto per visitare Lourdes. Qual’ è stato il fattore determinante di esso?

Credo che il fattore principale è, che sto studiando bene. L’educazione è uno delle chiavi del successo. Abbiamo già avuto alcuni esempi in passato; altri ragazzi e ragazze che studiavano bene, sono stati concessi per andare all’estero. In mia opinione, questa è una grande motivazione sia per i ragazzi, sia per adulti.

Lourdes è una città importante per il mondo cattolico. Che cosa ci racconti al riguardo di Lourdes?

Mi e piaciuto Lourdes e suoi dintorni; è un posto belissimo per l’spirazione. Ho trovato alcune informazioni al riguardo di Lourdes in internet, ma in realtà è molto più bello. Lourdes è la più grande meta di pellegrinaggio cattolico in Francia e uno dei santuari cattolici più popolari al mondo. Prima delle apparizioni della Vergine Maria nel 1858, la caratteristica più importante della città era il castello fortificato arroccato su un promontorio roccioso al centro. A Lourdes tutto è collegato con la fede e questo fatto mi ha impressionato. La città e piccola, pacifica e verde.

Sappiamo che tra due anni devi lasciare il programma della Caritas, perché diventi maggiorenne. Il viaggio a Lourdes ha cambiato l’idea del tuo progetto per il futuro?

Probabilmente non era proprio il cambio d’idea, ma il viaggio mi ha dato più fiducia e più motivazione per il mio piano per il futuro. Vorrei studiare all’Università Statale di Ivane Javakhishvili, alla facoltà di matematica. Dovrei studiare tanto per raggiungere il miei obiettivi professionali e avere la possibilità di accedere altri parti del mondo.

Quando sei capitato nella Caritas? Raccontaci al riguardo di tempo passato presso la Caritas. Che cosa hai imparato? Che esperienza hai?

Vivo presso la “Casa Famiglia” della Caritas dal 2005, ormai ci sono quasi undici anni. Ho imparato tanti mestieri presso il Centro Diurno per i Bambini e Giovani, perché qui abbiamo diversi laboratori professionali. Ho imparato la tecnica dello smalto a cellette, incisione in legno e in rame. Gioco a calcio e ballo la danza popolare georgiana. Ho ricevuto una grande esperienza della vita quotidiana, comunicazione con diverse persone. Ho provato l’amicizia e la cura. Non posso immaginare la mia vita senza Caritas, perché la Caritas mi aveva segnalato la direzione giusta di mia vita e sono grato a tutte le persone che mi sostengono.

Che cosa significa la Caritas Georgia per te?

La Caritas per me, è l’opportunità che viene raramente data a una persona, ti fornisce con la cura e tutte le cose necessarie per l’istruzione, per crescità e la motivazione per raggiungere i tuoi obbiettivi nel futuro. Aiuta le persone, segnala la direzione giusta, e la cosa più importante è, che condivide l’amore, che è importante per tutti.